Raccontami di quella volta in cui hai preso ad invocare gli dei, perché il tuo dio chissà dove s’era nascosto; o di quella volta in cui, per un amore sbagliato, hai considerato sbagliato l’amore. Raccontami di quella volta in cui hai sentito solo tanto ghiaccio dentro, tanto come la banchiglia; oppure raccontami della polvere che conservi sui lividi. Raccontami del deserto nei tuoi occhi privi di lacrime, della vodka, di quei presagi, delle valigie piene d’aria, dell’altare che hai preso a pugni, del bolo che hai avvertito alla faringe.
Però, prima, apri il mio armadio.
Guarda quanti scheletri.
Vuoi davvero diventare uno di loro?

Sara Cassandra /frammenti (via cassandrablogger)

Oddio, Sara, sempre perfetta!

(via nonostantetuttoglimancava)

Sei fantastica, Sara.

(via fuckthedistanceandbehappy)

madonna.

(via alive-inside-me)

Ogni giorno che passa t’amo sempre di più.

(via primaopoifiniscetutto)

(via cuoreappannato)


(via lxly-1)


Perché nessuno possa dimenticare che non si è mai lontani abbastanza per trovarsi, mai.

Le delusioni sono come le ferite.
All’inizio fanno male, ma poi pian piano, col tempo, si cicatrizzano.
Le delusioni fanno male, ma poi pian piano, possiamo cicatrizzarle fino a farle scomparire.

Sono circondata da persone strane. Da ‘ho qualche chilo in più,salto la cena per una settimana così sarò magra’. Da ‘mi drogo,bevo,scopo e me ne vanto’. Da ‘vado male a scuola,tanto a che serve’. Da ‘mi taglio le braccia ma in estate vado in giro a maniche corte’. Da ‘sono depressa,non vedo via d’uscita. Ah no aspetta,mi hanno dato la paghetta sono felice’. Da ‘oddio il mio ex mi ha messo like alla foto profilo sicuramente vuole tornare assieme a me’. Da ‘lo amo più della mia stessa vita,ormai ci conosciamo da 2 giorni. Staremo insieme per sempre’. Da ‘la mia passione è leggere e sono intelligente. Baricco? Cos’è una pasta?’. Da ‘mi piace la fotografia per questo ho fatto fare un mutuo ai miei per comprarmi la reflex,tranquillo la userò almeno una volta al mese’. Da ‘non ho autostima. Mi sento brutta. Aspetta che carico un’altra foto su Facebook e un video su Instagram’. Da ‘sono clinicamente obesa e dovrò fare un intervento per non morire. Però intanto vado al Mc Donald’. Da ‘sono una ragazza seria,smettetela di darmi della facile! I 18 ragazzi che mi sono fatta sabato sera non contano.’ Da ‘sei la mia migliore amica,non ti lascerò mai….però se osi guardare quello che mi piace ti stacco la testa e vado in giro a dire che hai l’AIDS’.

Potrei andare avanti.

(via minutrodiaria)

"La mia passione è leggere e sono intelligente. Baricco? Cos’è una pasta?"

AHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

(via nellocchiodelciclone)

Rido.

(via hosolomestessa)

Muoio (via stelleincollisione)

‘sei la mia migliore amica,non ti lascerò mai….però se osi guardare quello che mi piace ti stacco la testa e vado in giro a dire che hai l’AIDS’. NON CE LA POSSO FARE AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

(via mihaiguardatapercaso)

(via mihaiguardatapercaso)


realizes:

♡personal/love♡

realizes:

♡personal/love♡

(via mihaiguardatapercaso)


Aspetta.
Tu sei la ragazza che evita gli sguardi della gente.
Tu sei quella che non si siede mai in fondo al pullman.
Tu sei quella che se vede un gruppo di ragazzi, cambia strada.
Tu sei quella che quando sente un un gruppo di ragazze ridere, pensa che stanno ridendo di te.
Tu sei quella che gira sempre con le cuffie.
Tu sei quella a scuola che è brava, ma mai l’eccellenza.
Tu sei quella stanca.
Tu sei quella che sei tanto, ma alla fine non sei niente.

Francesca Berardi.

(via sorrisidisperati)

Sento come se la Bernardi fosse entrata nella mia testa per scrivere tutto ciò.

(via likeeaskycraper)

Berardi ragà.

(via sorrisidisperati)

-

(via alicenelpaesedegliorrori)

non c’è cosa più vera

(via hoprovatoadimenticarti)

(via payneenutella)


Quando avrò una figlia, la porterò una volta al mese per tutti i mesi in libreria. Le insegnerò ad impugnare la penna ancor prima delle maestre e quando tornerà a casa con un’aria stravolta le cucinerò il suo piatto preferito. Non le chiederò spiegazioni ma l’abbraccerò, le dirò che le voglio bene. Giusto per ricordarselo, per sentirsi importante.
E quando avrà le cuffie per un’intera giornata, lascerò andare: la musica alle volte è la miglior compagnia.
Le svelerò tumblr, mi accerterò che cresca esattamente come noi ma spero che non soffra come noi.
E se di sera rimarrà chiusa in bagno per troppo tempo io le passerò un foglio e una penna. Le insegnerò a sfogarsi scrivendo, a non torturare il suo corpo, ad avere uno stile proprio senza diventare una fotocopia, le imparerò ad amare. Le dirò che le persone salvano e distruggono, a volte contemporaneamente, a volte per sbaglio, ma prima o poi la felicità arriva e potrà vantarsene.
Quando tornerà a casa con un brutto voto, non mi arrabbierò le dirò semplicemente che credo in lei e la prossima volta andrà meglio.
Mio marito mi amerà tanto, quanto io amerò lui e lei dovrà avere l’immagine di un lieto fine. Di discussioni che terminano in un bacio, e di cene preparate in due. Conoscerà Tumblr prima di Facebook e i messaggi prima delle foto.
Controllerò ogni giorno che i suoi temperini non siano rotti, controllerò le lamette e le maniche delle sue felpe. Mi curerò di lei, quanto non faccio per me ed una cosa è certa lei non saprà nulla di me, della mia adolescenza, della sofferenza. Lei immaginerà un passato sorridente, crescerà con il desiderio di cambiare queste mentalità e io sarò orgogliosa di lei e glielo ricorderò. Sempre.

Francesca Russo

(via infrarossi)

Ma anche con mio figlio

(via mywinteruniverse)

Raga’, svegliatevi. Anche io fino a poco tempo fa mi facevo ‘sti filmetti, ma non accadrà. Ditemi: conoscete qualche coppia felice, come quella qui descritta? A me non viene in mente nessuno, in tutta la mia vita non ricordo di aver mai visto una coppia amarsi davvero. E questo perché? Perché l’amore non esiste. E, anche se esistesse, non dura. Non dura mai.

(via assenzadiemozioni)

E se invece esistesse ?

(via assenzadiemozioni)